google search

Telescopio altazimutale di Troughton & Simms

Edward Troughton, William Simms - Londra (Inghilterra) - 1831

iscrizioni: Troughton & Simms London 1831

materiali: ottone, acciaio.

dimensioni: 75 - 53 - 114 cm (l-w-h)

categoria: astronomia

focale: 74.0 (cm) - obiettivo: 5.4 (cm)

acquisizione: dono - 1878 - Londra

num inv: 422

descrizione: E' un telescopio rifrattore con montatura altazimutale in ottone. I due cerchi orizzontali hanno un diametro di 40 cm, quello verticale di 44 cm. Tutti hanno un passo di 5' e sono dotati di due microscopi micrometrici, montati a 180°, per la lettura delle misure di altezza e azimut, rispettivamente.

uso: Serviva per le osservazioni celesti.

funzionamento: Per orientare il telescopio verso l'oggetto da osservare, la montatura altazimutale permette il movimento del telescopio in azimut, agendo sull'asse verticale, mentre con quello orizzontale il movimento in altezza.

stato di conservazione: buono

restauri:

mostre:

note: Questo telescopio altazimutale fu donato nel 1878 dal figlio di George Bishop (1785-1861) insieme al telescopio equatoriale di Dollond e ad un pendolo di Barraud.
Questi strumenti provenivano dall'Osservatorio privato di South Villa, presso il Regent's Park a Londra, costruito nel 1836.
Bishop prestò lo strumento al generale Francis Rawdon Chesney (1789 -1872) per la spedizione , tra il 1835 e il 1837, nei territori medio-orientali che erano sotto il controllo inglese. Il comandante Hastings Fitz-Edward Murphy (1798-1836) si occupò delle osservazioni astronomiche e topografiche.
Nel 1883 Ottavio Heurteaux costruì per questo strumento una livella a gambe per misurare l'inclinazione dell'asse di rotazione del telescopio.
Lo strumento era usato nella Stazione Magnetica per le osservazioni della direzione dell'ago magnetico.

fonti d'archivio:

bibliografia:

info scheda: n. 40, (Mauro Gargano, 2013-10-02)

schede precedenti: 2001 n. 17, E. Stendardo ; 1992 n. 12, V. Fiore e P. Paura