google search

Bilancia di Culot

Giovanni Culot - Milano (Italia) - 1813

iscrizioni: Giovanni Culot capo bilanciaio della Reale Zecca di Milano 1813

materiali: ottone, acciaio, legno di noce

dimensioni: 95 - 41 - 115 cm (l-w-h)

categoria: metrologia

acquisizione:

num inv: 29728

descrizione: Bilancia a due piatti in ottone con bracci in ottone e acciaio. L'albero centrale in ottone e poggia su una base in legno di noce nazionale.

funzionamento: La bilancia a due piatti una leva di prima specie.
Lo strumento ha un giogo rigido il cui fulcro costituito da un coltello centrale. Questo, sotto l'azione della forza peso degli oggetti depositati sui piatti, compie oscillazioni smorzate attorno alla posizione di equilibrio indicata da un indice solidale al giogo.

stato di conservazione: buono

restauri:

note: La bilancia appartiene all'osservatorio sin dalla sua fondazione.
Seppur costruita nel 1813, non viene annotata, nel 1817, tra gli strumenti presenti nella specola di S. Gaudioso. Inoltre nel notamento, voluto dal ministro degli Affari Interni, Nicola Santangelo (1785-1851), a seguito della morte di Carlo Brioschi e redatto da Capocci il 16 marzo 1833 la bilancia non viene segnalata, mentre nella copia con data 30 marzo si annota che nella stanza degli stromenti mobili conservata una bilancia di ottone con una pinta di Milano, e con due pesi di libbre.

fonti d'archivio:

bibliografia:

info scheda: n. 55, (Mauro Gargano, 2010-09-01)

schede precedenti: 1992 n. 80, V. Fiore e P. Paura