ESO Press Release 17/04 - 7 luglio 2004

L'articolo originale è disponibile presso:
http://www.eso.org/outreach/press-rel/pr-2004/pr-17-04.html

Galassie vecchie nell'Universo giovane
Il VLT rivela una nuova popolazione di galassie massicce molto vecchie

Le teorie attuali della formazione delle galassie si basano su una fusione a livello gerarchico di entità più piccole in strutture sempre più grandi, a partire da dimensioni tipiche di un ammasso globulare fino a quelle di ammassi di galassie. Seguendo questo scenario, si presuppone che nell'universo giovane non esistessero galassie massicce. Tuttavia questo concetto dovrà essere rivisto. Tramite lo strumento multimodale FORS2 al telescopio VLT del Paranal, un gruppo di astronomi italiani ha identificato quattro galassie lontane, molte volte più massicce della Via Lattea, ovvero fra le più massicce dell'Universo attuale. Esse devono essersi formate quando l'Universo aveva solo due milioni di anni circa, cioè 12000 milioni di anni fa. Questi oggetti, scoperti recentemente, sono probabilmente membri di una popolazione di vecchie e massicce galassie, finora sconosciute. L'esistenza di tali sistemi dimostra che l'accrescimento di galssie ellittiche massicce è stato nell'Universo giovane più veloce di quanto previsto dalle teorie attuali.



Questa pagina è curata dall'Ufficio Public Outreach & Education (PO&E) dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli,
per conto dell'Education and Public Relations Department dell'ESO.
Il responsabile PO&E: Maria Teresa Fulco
This page is responsability of the Public Outreach & Education (PO&E) Office of the INAF-Capodimonte Astronomical Observatory in Naples,
on behalf of the Education and Public Relations department of ESO. The PO&E Officer : Maria Teresa Fulco

Info: mtfulco@oacn.inaf.it

webmaster - settembre 2004