ESO Press Release 21/04 - 24 agosto 2004

L'articolo originale è disponibile presso:
http://www.eso.org/outreach/press-rel/pr-2004/pr-21-04.html

SINFONI viene inaugurato con note positive

L'ESO, insieme all'Istituto Max-Planck per la Fisica Extraterrestre (Garching, Germania), la scuola Nederlandse Onderzoekschool Voor Astronomie (Leiden, Olanda) e con tutti gli astronomi europei, celebra il compimento, avvenuto con pieno successo, della prima luce dello strumento di ottica adattiva SINFONI (Spectrograph for Integrated Field Observation in the Near-Infrared) già installato al VLT dell'ESO presso l'Osservatorio del Paranal in Cile. E' il primo strumento scientifico del genere mai installato su un telescopio di 8 metri, che offre capacità osservative eccezionali per gli studi di immagini e di spettroscopia di regioni molto complesse del cielo, ovvero regioni di formazione stellare e di buchi neri, anche in galassie lontane. Dopo l'assemblaggio, riuscito facilmente, delle due parti di SINFONI al telescopio VLT, il modulo di ottica adattiva che supporta lo spettrografo SPIFFI, è stato registrato lo spettro di prima luce di una stella brillante nelle prime ore della sera del 9 luglio 2004. Le seguenti tredici notti sono servite a valutare le prestazioni del nuovo strumento e per esplorare le sue capacità tramite test di osservazioni su di una selezione di obiettivi di eccezionale interesse astronomico. Essi comprendevano la regione del centro della Galassia, di cui già esistono immagini acquisite con lo strumente NACO con lo stesso telescopio. Sono stati così ottenuti spettri ad alta risoluzione ed immagini mai acquisite prima di stelle nelle immediate vicinanze del massiccio buco nero centrale. Durante la notte fra il 15 ed il 16 luglio SINFONI ha registrato in grande dettaglio un flare da questo buco nero. Altri oggetti interessanti sono stati osservati in questo periodo fra cui galassie con nuclei attivi (come le galassie Circinus e NGC 7469) ed una giovane galassia, in cui si stanno formando stelle, a redshift 2 ( BX 404/405). Questi primi risultati sono stati accolti con entusiasmo dal gruppo di astronomi ed ingegneri facenti parte del consorzio degli istituti tedesco, olandese e dell'ESO, i quali hanno lavorato allo sviluppo di SINFONI per circa sette anni. Il lavoro con SINFONI al Paranal comprende anche la commissione eseguita con successo nel giugno 2004 del Modulo di Ottica Adattiva, durante la quale sono state ottenute eccezionali immagini di test dell'asteroide di fascia principale Calliope e della sua luna. Inoltre è stata dimostrata la capacità di correggere l'effetto della turbolenza atmosferica per mezzo di oggetti guida molto deboli (magnitudine 7.5), cruciali per l'osservazione di oggetti astronomici in molte zone del cielo.



Questa pagina è curata dall'Ufficio Public Outreach & Education (PO&E) dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli,
per conto dell'Education and Public Relations Department dell'ESO.
Il responsabile PO&E: Maria Teresa Fulco
This page is responsability of the Public Outreach & Education (PO&E) Office of the INAF-Capodimonte Astronomical Observatory in Naples,
on behalf of the Education and Public Relations department of ESO. The PO&E Officer : Maria Teresa Fulco

Info: mtfulco@oacn.inaf.it

webmaster - settembre 2004