ESO Press Release 22/04 - 25 agosto2004

L'articolo originale è disponibile presso:
http://www.eso.org/outreach/press-rel/pr-2004/pr-22-04.html

Quattordici volte più grande della Terra
Lo strumento Harps dell'ESO scopre il più piccolo pianeta extra solare fra quelli finora noti.

Un gruppo di astronomi europei ha scoperto il più piccolo pianeta noto orbitante intorno ad una stella diversa dal Sole (un esopianeta). Il nuovo esopianeta orbita intorno alla stella brillante mu Arae nella costellazione del sud Altar. E' il secondo esopianeta scoperto intorno a questa stella ed, la sua orbita di rivoluzione completa richiede 9.5 giorni. Con una massa di solo quattordici volte maggiore della massa della Terra, il nuovo pianeta è alla soglia dei più grandi pianeti rocciosi possibili, ed appare come un oggetto che potrebbe essere simile alla Terra, ma di dimensioni superiori. Urano, il più piccolo dei pianeti giganti del sistema solare, ha una massa simile. Tuttavia Urano ed il nuovo esopianeta differiscono molto per la loro distanza dalla stella centrale, così che è probabile che la loro formazione e la loro struttura siano molto diverse. La scoperta è stata resa possibile dalla precisione senza precedenti dello spettrografo Harps montato al telescopio dell'ESO di 3.6 metri a La Silla, che consente di misurare velocità radiali con una precisione superiore ad un metro al secondo. Questa è un'altra chiara dimostrazione della supremazia europea nel campo della ricerca degli esopianeti.



Questa pagina è curata dall'Ufficio Public Outreach & Education (PO&E) dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli,
per conto dell'Education and Public Relations Department dell'ESO.
Il responsabile PO&E: Maria Teresa Fulco
This page is responsability of the Public Outreach & Education (PO&E) Office of the INAF-Capodimonte Astronomical Observatory in Naples,
on behalf of the Education and Public Relations department of ESO. The PO&E Officer : Maria Teresa Fulco

Info: mtfulco@oacn.inaf.it

webmaster - settembre 2004