ESO Press Release 06/05 - 14 marzo2005

L'articolo originale è disponibile presso:
http://www.eso.org/outreach/press-rel/pr-2005/pr-06-05.html

Il VLT è fiancheggiato per la prima volta da due telescopi ausiliari al Paranal

L'interferometro più grande del mondo a contatto con due telescopi mobili


Il VLTI all'Osservatorio del Paranal ha visto proprio da poco una una nuova estensione delle sue già eccezionali capacità tramite la combinazione interferometrica della luce da due telescopi mobili. A seguito dell'installazione del primo telescopio ausiliario AT nel gennaio del 2004, il secondo AT è arrivato alla piattaforma del VLT alla fine del 2004. Poco dopo, durante la notte fra il 2 ed il 3 febbraio 2005, i due telescopi ad alta tecnologia si sono aggregati ed in breve tempo sono riusciti a produrre osservazioni interferometriche. Questo successo annuncia un'era di nuove scoperte scientifiche. Entrambi i telescopi ausiliari saranno resi disponibili, a partire dal 1 ottobre 2005, alla comunità degli astronomi per le loro osservazioni, insieme con lo strumento MIDI. Per la fine del 2006 Paranal ospiterà quattro AT operativi, che potranno essere disposti in 30 differenti posizioni e quindi combinati in un gran numero di modi. Ciò permetterà al VLT di lavorare con enorme flessibilità ed, in particolare, di ottenere immagini dettagliate (nitide) di oggetti celesti, con una risoluzione che corrisponde alla possibilità di distinguere un astronauta sulla luna.



Questa pagina è curata dall'Ufficio Public Outreach & Education (PO&E) e dalla dott.ssa Maria Teresa Gomez dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli, per conto dell'Education and Public Relations Department dell'ESO.

Il responsabile PO&E: Maria Teresa Fulco
This page is responsability of the Public Outreach & Education (PO&E) Office and of Dr. Maria Teresa Gomez of the INAF-Capodimonte Astronomical Observatory in Naples, on behalf of the Education and Public Relations department of ESO.
The PO&E Officer : Maria Teresa Fulco

Info: mtfulco@oacn.inaf.it

webmaster - gennaio 2005