ESO Press Release 09/05 - 7 aprile 2005

L'articolo originale è disponibile presso:
http://www.eso.org/outreach/press-rel/pr-2005/pr-09-05.html

E' una nana bianca o un esopianeta?

Con il VLT nuove immagini di giovani compagne sub-stellari

 

 

Dopo la scoperta, nel 1995, del primo pianeta orbitante intorno ad una stella diversa dal Sole, sono ora noti più di 150 candidati di cosiddetti esopianeti. La maggior parte viene scoperta tramite metodi indiretti, basati sulla variazione della velocità radiale o della luminosità della stella quando il pianeta passa davanti ad essa. Gli astronomi, in realtà, preferirebbero ottenere un'immagine diretta dell'esopianeta, che permetta loro di comprendere meglio le caratteristiche e la natura fisica dell'oggetto. Questo è un compito molto difficile, poichè il pianeta è generalmente nascosto dalla luce della stella ospite. Per superare parzialmente questo problema, gli astronomi studiano oggetti molto giovani. Infatti gli oggetti sub-stellari sono molto più caldi e brillanti quando sono giovani e pertanto possono essere rivelati più facilmente di oggetti più vecchi aventi massa simile. Fondandosi su questo metodo di studio, è probabile che il piccolo punto di luce vicino alla giovane nana bruna 2M1207, osservato da un gruppo internazionale di astronomi usando il telescopio VLT dell'ESO sia la tanto cercata immagine di un esopianeta.



Questa pagina è curata dall'Ufficio Public Outreach & Education (PO&E) e dalla dott.ssa Maria Teresa Gomez dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli, per conto dell'Education and Public Relations Department dell'ESO.

Il responsabile PO&E: Maria Teresa Fulco
This page is responsability of the Public Outreach & Education (PO&E) Office and of Dr. Maria Teresa Gomez of the INAF-Capodimonte Astronomical Observatory in Naples, on behalf of the Education and Public Relations department of ESO.
The PO&E Officer : Maria Teresa Fulco

Info: mtfulco@oacn.inaf.it

webmaster - gennaio 2005