Ganimede

Giove III

   Ganimede è il settimo e più grande satellite conosciuto di Giove.

orbita: 1070,000 km da Giove

diametro: 5262 km

massa: 1.48e23 kg

Scoperto da Galileo nel 1610.

   Ganimede è il più grande satellite del Sistema Solare. Il suo diametro è maggiore di quello di Mercurio anche se ha solo circa metà della sua massa. E' sicuramente più grande di Plutone.

   Prima che la sonda Galileo incontrasse Ganimede, si pensava che insieme a Callisto avesse un nucleo di roccia circondato da un grande mantello di acqua e ghiaccio. Ora sappiamo che Callisto ha una composizione uniforme mentre Ganimede ha una struttura a 3 strati, composti in prevalenza da ferro circondato da un mantello di silicato e con uno strato superficiale di ghiaccio.

   La superficie di Ganimede è un mix di due tipi di superficie: uno molto antico, con molti crateri (foto a sinistra) ed uno, molto giovane, in prevalenza liscio con la presenza di canyon (foto a destra). L'origine è chiaramente tettonica, del tipo molto simile alla Terra.

   Evidenza di una tenue atmosfera a base di ossigeno, molto simile a quella di Europa, è stata rivelata dal telescopio spaziale Hubble (HST).

   La densità dei crateri presenti indica un'età apparente di circa 3 - 3.5 miliardi di anni, simile alla Luna. I crateri sono attraversati da un sistema di spaccature simile a quello presente su Europa.

   Diversamente dalla Luna, i crateri sono abbastanza lisci, avendo perso per erosione i picchi sulle creste.

   La sonda Galileo ha scoperto che Ganimede ha il proprio campo magnetico nascosto da quello di Giove. Ciò è probabilmente generato in modo simile a quello della Terra: come risultato del moto di materiale conduttore al suo interno.


Contents torna indietro