Plutone

Contents torna indietro

   Plutone è il più lontano pianeta dal Sole ed il più piccolo del sistema solare.

orbita: 5,913,520,000 km (39.5 AU) dal Sole (media)

diametro: 2274 km

massa: 1.27e22 kg

   Plutone fu scoperto in modo accidentale nel 1930 analizzando gli errori sui calcoli dell'orbita di Nettuno

       Plutone è l'unico pianeta a non essere mai stato visitato da alcuna sonda spaziale. Anche il telescopio spaziale Hubble può fornire una risoluzione solamente delle caratteristiche più grandi presenti sulla superficie (foto sopra e a sinistra). E' prevista una missione chiamata "Nuovi Orizzonti" per il 2006.

   Fortunatamente, Plutone ha un satellite, Caronte, che fu scoperto nel 1978 appena prima che il piano orbitale del pianeta si muovesse verso l'interno del sistema solare. E' stato quindi possibile osservare molti transiti di Plutone su Caronte e viceversa. Da questi incroci si è potuto calcolare la mappa delle aree di luce e buio su entrambi i corpi celesti.

   Plutone ha un raggio non ben noto. Sebbene la somma delle masse di Plutone e Caronte sia nota abbastanza bene, le masse individuali sono diffiicili da calcolare. Il rapporto tra le due masse dovrebbe essere circa 0.084. Molti scienziati pensano che sarebbe meglio classificare Plutone come un grosso asteroide piuttosto che un pianeta.

   Plutone ha un'orbita molto eccentrica. A volte risulta più vicino al Sole di Nettuno. La sua orbita è esattamente 1.5 volte più lunga di quella di Nettuno e l'inclinazione dell'orbita risulta maggiore rispetto a quella di tutti gli altri pianeti.

   La temperatura in superficie varia tra -235 e -210 °C (da 38 a 63 K). Le regioni più calde corrispondono alle regioni che appaiono più buie nella lunghezza di banda ottica. La composizione del pianeta è sconosciuta, ma la sua densità (circa 2 gm/cm3) indica che è probabilmente un mix di 70% di roccia e 30% di ghiaccio. La parte più luminosa sembra essere coperta di ghiaccio di azoto con piccole quantità di metano, etano e monossido di carbonio. La composizione delle aree più buie è invece sconosciuta ma probabilmente è dovuta a materiale organico primordiale o reazioni fotochimiche guidate da raggi cosmici. Poco è anche ciò che conosciamo sull'atmosfera di Plutone. Dovrebbe essere composta in gran parte da azoto e metano.


Contents torna indietro