Saturno

Contents torna indietro

   Saturno è il sesto pianeta lontano dal Sole ed il secondo più grande:

orbita: 1,429,400,000 km (9.54 AU) dal Sole

diametro: 120,536 km (equatorial)

massa: 5.68e26 kg

   Saturno è noto sin da epoche preistoriche. Galilei fu il primo ad osservarlo con un telescopio nel 1610. Egli notò il suo aspetto strano ma rimase confuso. In realtà le osservazioni in epoche non contemporanee erano sempre state rese particolarmente complicate a causa del fatto che la Terra attraversa il piano su cui giacciono i famosi anelli a intervalli periodici di qualche anno, mentre lo stesso Saturno si muove nella sua orbita.

   Saturno è stato visitato prima dalla sonda Pioneer 11 nel 1979 e successivamente da Voyager 1 e Voyager 2. Cassini, attualmente in corsa verso il pianeta, dovrebbe giungere a destinazione nel 2004.

   Saturno è il meno denso tra tutti i pianeti noti. La sua gravità specifica è circa inferiore a quella dell'acqua (0.7).

   Come Giove, Saturno è fatto per il 75% di idrogeno e 25% di elio, con tracce di acqua, metano, ammoniaca e roccia, simile quindi alla composizione della nebulosa da cui si è formato il sistema solare.

   Saturno interiormente è simile a Giove e consiste di un nucleo roccioso, uno strato di idrogeno liquido e tracce di vari tipi di ghiaccio. Internamente è molto caldo (circa 12000 K nel nucleo) ed irradia molta più energia di quanta non ne riceva dal Sole.

      Due anelli prominenti ed uno più lontano sono quelli visibili dalla Terra. La distanza tra questi due gruppi è nota come la frattura di Cassini. Sebbene possano sembrare continui dalla Terra, in realtà gli anelli sono attualmente composti da innumerevoli piccole particelle ciascuna in una propria orbita. Le loro dimensioni variano da pochi centimetri a molti metri (qualcuno km!). Gli anelli sono straordinariamente sottili. Sebbene abbiano un diametro di circa 250000 km, risultano spessi meno di 1 km.

   Le particelle che compongono gli anelli sembrano essere composti principalmente da ghiaccio acqueo, ma potrebbero anche essere frammenti rocciosi rivestiti da ghiaccio.

            Le origini degli anelli di Saturno sono sconosciute. Potrebbero essere il risultato, in continua evoluzione, di fratture verificatisi in satelliti molto grandi in origine.

   Come Giove, Saturno ha un notevole campo magnetico.

  

 


Contents torna indietro